Aneddoti & Curiosità

Samurai a Venezia: il museo di arte Orientale di Ca' Pesaro

Opere e luoghi poco noti
samurai-museo-orientale

Samurai a Venezia: il museo di arte Orientale di Ca' Pesaro

Nel cuore di Venezia, lungo il Canal Grande, sorge lo splendido palazzo dei Pesaro, costruito dal grande architetto barocco Baldassarre Longhena tra il 1659 e il 1710.

Al suo interno vi è un museo che non ti aspetteresti mai di trovare a Venezia: il Museo di Arte Orientale, nato dall'incredibile collezione di Enrico di Borbone, conte di Bardi, che tra il 1887 e il 1889 visitò con la moglie il Giappone, la Cina e l'Indonesia, portando a casa oltre 17.000 pezzi.

Appena si entra in questo museo, unico e suggestivo, la prima cosa che affascina il visitatore sono le armature dei Samurai che sembrano guardarti dalle loro orbite vuote.

Si tratta di armature per i daimyo (i signori feudali dell'antico Giappone) risalenti al periodo Edo (1600- 1868), quando la famiglia degli shogun Tokugawa (cioè ‘signori della guerra') impose il suo dominio su tutto il paese.

Le armature non erano usate spesso in battaglia ma venivano indossate più che altro durante le parate militari, che servivano allo shogun per mostrare la sua potenza.

Ciascuna armatura è composta da elmo, corazza, gonnellino ed elementi protettivi per parti sensibili, come spallacci, maniche e gambali. La struttura è fatta da lamelle di cuoio laccate e dipinte, tenute insieme da lacci colorati in seta.

L'armatura era estremamente leggera e facile da compattare per essere riposta in scatola e trasportata: i daymo infatti ogni anno lasciavano il loro hen (feudo) per recarsi a Edo (l'attuale Tokyo) dove si svolgevano le parate militari. Inoltre, essa favoriva lo scontro corpo a corpo fra i guerrieri, esaltandone così l'abilità e il coraggio.

A protezione del viso si usava una maschera, spesso provvista di labbra laccate in rosso e finti baffi in setole naturali, che aveva anche la funzione di spaventare il nemico.

Oltre al Museo di Arte Orientale, il palazzo ospita anche la Galleria Internazionale di Arte Moderna… Entrambi i musei sono inclusi in un unico biglietto d'ingresso a Ca' Pesaro. Qualora siate interessati ad organizzare una visita guidata privata a Ca' Pesaro e alle splendide collezioni custodite al suo interno, vi invitiamo a contattarci!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

Venezia: Perché si dice Rosso Tiziano?

rosso_tiziano
Modi di dire

Ricordate la sensuale ‘Venere di Urbino’ o l’elegante ‘Donna allo specchio’ di Tiziano Vecellio? Ecco, focalizzatevi sul...

Vedi

I post più letti

Venezia: Quanto costa un giro in gondola?

gondola
Lo sapevate che...

Avete deciso di visitare Venezia e avete inserito nella lista di cose da fare un bel giro in gondola? Come darvi torto! A Venezia c’...

Vedi

Venezia: Il cuore di pietra della Basilica di San Marco

cuore-erizzo
Opere e luoghi poco noti

Se siete in visita alla Basilica di San Marco e vi siete appena accomiatati dalla meravigliosa visione della Pala d’Oro (assolutament...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi