Aneddoti & Curiosità

La Statua di San Zeno che ride nella Basilica di Verona

Curiosità storiche
san-zeno

La Statua di San Zeno che ride nella Basilica di Verona

Chi visita la città di Verona non può dimenticare di programmare una tappa alla bellissima chiesa romanica dedicata al patrono e ottavo vescovo della città, San Zeno.

La prima chiesa fu costruita sul luogo di sepoltura del Santo nel corso del IV secolo; distrutta e ricostruita varie volte, la basilica attuale si data al 1138, a seguito di un devastante terremoto.

Riguardo a San Zeno, non ci sono molte notizie certe in quanto gran parte della sua vita è avvolta nella leggenda… Pare fosse originario della Mauritania e per questo vi si fa spesso ancora riferimento come ‘il Vescovo Moro'; di certo si sa che fu vescovo di Verona dal 362 al 380, anno della sua morte.

Secondo le fonti agiografiche visse in austerità e semplicità, tanto che pescava egli stesso il pesce per il proprio pasto nell'Adige. Per questo è considerato protettore dei pescatori d'acqua dolce e viene rappresentato con dei pesciolini. Era una persona colta ed erudita, formatasi alla scuola di retorica africana.

Il suo corpo è conservato nella cripta sotto l'altar maggiore, mentre la sua immagine più famosa si trova nella piccola abside a sinistra del presbiterio: è una statua in marmo rosso e colorato, eseguita da un anonimo del XII secolo, considerata l'icona più importante dei veronesi! Guardando la statua, si viene subito colpiti dal fatto che sia sorridente, dettaglio del tutto inusuale per un Santo… I Veronesi lo chiamano affettuosamente ‘il San Zen che ride'.

Oltre ai luoghi di Giulietta e Romeo, Verona riserva molte sorprese… Se siete interessati ad una visita guidata con un'esperta guida locale vi suggeriamo la nostra Your Own Verona: visita guidata privata della città scaligera, completamente personalizzabile in base ai vostri desideri!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi