Aneddoti & Curiosità

Il beato che viveva nel tronco di un albero nella scuola dei Carmini a Venezia

Opere e luoghi poco noti
tiepolo-venezia

Il beato che viveva nel tronco di un albero nella scuola dei Carmini a Venezia

Nel popolare Campo Santa Margherita a Venezia vi è un piccolo gioiello nascosto: la scuola dei Carmini. Si tratta di una delle poche confraternite devozionali a Venezia che sono sopravvissute alle soppressioni napoleoniche di inizio ‘800 e al suo interno sono conservate pregevoli opere d'arte, fra cui un soffitto del celebre pittore Gian Battista Tiepolo (1739).

Questa tela rappresenta un personaggio decisamente curioso, il beato Simon Stock. Nato in Inghilterra nella seconda metà del XII secolo, all'età di dodici anni lasciò la casa dei genitori e si ritirò come eremita sotto una quercia (da qui l'appellativo Stock, che deriverebbe dall'inglese antico e significherebbe tronco d'albero) e in seguito percorse a piedi le contrade del suo paese predicando. Dopo un pellegrinaggio in Terra Santa, avrebbe maturato la decisione di entrare come frate nell'ordine carmelitano e, attorno al 1247, alla veneranda età di 82 anni, fu scelto come sesto priore generale dell'Ordine.

Nel corso del XV secolo si diffuse nei Paesi Bassi una leggenda circa un certo ‘san Simone', il quale aveva avuto una visione della Madonna che gli rivelava il privilegio dello scapolare: quanti si fossero spenti indossandolo, sarebbero stati liberati dalle pene del purgatorio il sabato successivo alla loro morte. Presto la visione fu associata a Simone Stock, il Priore Generale dei Carmelitani. Proprio la visione del beato fu rappresentata dal Tiepolo nel soffitto della Sala principale della Scuola, in cui si vede la Vergine che appare a Simon Stock offrendogli lo scapolare.

Hai trovato questo articolo interessante e ne vorresti sapere di più sui lati più curiosi e misteriosi di Venezia? Prenota una visita personalizzata della città con la nostra guida Francesca, redattrice di questa apprezzata rubrica.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi