Aneddoti & Curiosità

Il beato che viveva nel tronco di un albero nella scuola dei Carmini a Venezia

Opere e luoghi poco noti
tiepolo-venezia

Il beato che viveva nel tronco di un albero nella scuola dei Carmini a Venezia

Nel popolare Campo Santa Margherita a Venezia vi è un piccolo gioiello nascosto: la scuola dei Carmini. Si tratta di una delle poche confraternite devozionali a Venezia che sono sopravvissute alle soppressioni napoleoniche di inizio ‘800 e al suo interno sono conservate pregevoli opere d'arte, fra cui un soffitto del celebre pittore Gian Battista Tiepolo (1739).

Questa tela rappresenta un personaggio decisamente curioso, il beato Simon Stock. Nato in Inghilterra nella seconda metà del XII secolo, all'età di dodici anni lasciò la casa dei genitori e si ritirò come eremita sotto una quercia (da qui l'appellativo Stock, che deriverebbe dall'inglese antico e significherebbe tronco d'albero) e in seguito percorse a piedi le contrade del suo paese predicando. Dopo un pellegrinaggio in Terra Santa, avrebbe maturato la decisione di entrare come frate nell'ordine carmelitano e, attorno al 1247, alla veneranda età di 82 anni, fu scelto come sesto priore generale dell'Ordine.

Nel corso del XV secolo si diffuse nei Paesi Bassi una leggenda circa un certo ‘san Simone', il quale aveva avuto una visione della Madonna che gli rivelava il privilegio dello scapolare: quanti si fossero spenti indossandolo, sarebbero stati liberati dalle pene del purgatorio il sabato successivo alla loro morte. Presto la visione fu associata a Simone Stock, il Priore Generale dei Carmelitani. Proprio la visione del beato fu rappresentata dal Tiepolo nel soffitto della Sala principale della Scuola, in cui si vede la Vergine che appare a Simon Stock offrendogli lo scapolare.

Hai trovato questo articolo interessante e ne vorresti sapere di più sui lati più curiosi e misteriosi di Venezia? Prenota una visita personalizzata della città con la nostra guida Francesca, redattrice di questa apprezzata rubrica.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Cosa si mangia al Redentore?

sarde-saor
Tradizioni popolari

Festa tradizionale per eccellenza, celebrata ogni anno nel terzo fine settimana del mese di luglio, il Redentore ricorda la fine della ...

Vedi

Venezia: La cittadina di Dolo e i suoi abitanti

Dolo
Modi di dire

In provincia di Venezia c’è un piccolo comune, Dolo, che non ha una gran bella fama… L’espressione Ma te vien dal Dòeo? (Ma vie...

Vedi

Venezia: La Cripta della chiesa di San Simeone Piccolo

san-simeone-piccolo-venezia
Opere e luoghi poco noti

Appena usciti dalla stazione ferroviaria di Venezia, davanti a voi vedrete l’imponente cupola della chiesa di San Simeone Piccolo, ri...

Vedi

Vicenza: La leggenda dei Nani di Villa Valmarana a Vicenza

Villa_Valmarana_ai_Nani
Misteri & Leggende

Villa Valmarana ai Nani di Vicenza è una delle ville più conosciute e visitate del Veneto soprattutto grazie agli affreschi di Gianba...

Vedi

I post più letti

Treviso: Il cimitero ebraico di Conegliano

cimitero-conegliano
Opere e luoghi poco noti

Non tutti sanno che la città di Conegliano ha ospitato una delle più importanti comunità ebraiche del Veneto, sia dal punto di vista...

Vedi

Belluno: La casa natale di Tiziano Vecellio a Pieve di Cadore

casa-tiziano-pieve
Presenze illustri

Nel cuore delle Dolomiti, patrimonio dell’Unesco, si trova un piccolo, pittoresco paesino, Pieve di Cadore. Si tratta di un luogo spe...

Vedi

Vicenza: Il Ponte degli Alpini a Bassano del Grappa

Ponte-degli-Alpini-Bassano
Curiosità storiche

Se i ponti sono la vostra passione non potete assolutamente perdere il Ponte degli Alpini a Bassano del Grappa, in Provincia di Vicenza...

Vedi

Venezia: L’altorilievo di Ercole sulla facciata della casa del Tintoretto

casa-tintoretto-venezia
Misteri & Leggende

Nel sestiere di Cannaregio a Venezia sorge la casa del famoso pittore Jacopo Robusti detto ‘il Tintoretto’ (1519- 1594). Sulla facc...

Vedi