Aneddoti & Curiosità

La Scuola dei Mercanti del vin a San Silvestro a Venezia

Opere e luoghi poco noti
Chiesa_San_Silvestro

La Scuola dei Mercanti del vin a San Silvestro a Venezia

Anche chi abitualmente non beve vino, la notte di San Silvestro si concede un bicchiere di spumante o di champagne per il classico brindisi. E' curioso quindi che la confraternita dei Mercanti di vino a Venezia avesse la sua sede proprio nella chiesa di San Silvestro, in veneziano chiamata Scuola.
 
La corporazione dei venditori di vino fu istituita nel 1505 nella chiesa di San Silvestro, vicina alla riva del vin sul Canal Grande, e qualche anno dopo i confratelli decisero di costruire una sede vera e propria adiacente alla chiesa. Quando, nel 1820, la medievale chiesa di San Silvestro fu demolita per essere ricostruita in forme neoclassiche, la piccola scuola fu risparmiata e si trova tutt'oggi sul lato destro dell'edificio ecclesiastico.
 
La sala al pian terreno è usata per le funzioni religiose della parrocchia (la chiesa è attualmente in restauro); l'altare non era qui originariamente, ma proviene dalla vecchia chiesa di San Silvestro. Attraverso una scala di pietra si accede al piano superiore dove si trovava la Sala Capitolare dei Mercanti da vin. Nel corso del ‘800 divenne sede per le congregazioni Mariane e successivamente fu usata come deposito; fortunatamente è stata restaurata alla fine del ‘900 ed è usata oggi per altre funzioni religiose. Vi è ancora la decorazione pittorica originale con tele sul soffitto attribuite a Gaspare Diziani (1750) e sulle pareti opere di scuola fiamminga dello stesso periodo. L'altare proviene dalla Scuola dei Tagliapietra e infatti vi sono scolpiti gli strumenti propri di questa attività.
 
Siete interessati a curiosità, luoghi poco noti, leggende e misteri di Venezia? L'autrice della nostra affascinante rubrica organizza visite guidate private alla scoperta di una Venezia inedita e poco conosciuta!
A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi