Aneddoti & Curiosità

Sulle tracce di Lord Byron a Venezia

Presenze illustri
Lord_Byron_ok

Sulle tracce di Lord Byron a Venezia

Il famosissimo poeta inglese George Gordon (detto Lord Byron; 1788- 1824), visse per qualche tempo a Venezia quando fu costretto a lasciare l'Inghilterra per i debiti e i troppi scandali sessuali.

Molti luoghi di Venezia sono legati a lui, come per esempio palazzo Mocenigo sul Canal Grande, dove Byron visse dal 1816 al 1819, con 14 servi, 2 scimmie, una volpe e due mastini e dove compose i primi canti del Don Juan.

Palazzo Querini Benzon, sempre sul Canal Grande, dove conobbe il suo ultimo amore, la diciottenne Teresa Gamba Guiccioli, moglie del ricco sessantenne ravennate Alessandro Guiccioli

L'isola del Lido, dove il grande poeta era solito arrivare a nuoto, soprattutto per visitare l'antico cimitero ebraico, luogo perfetto per il suo spirito romantico.

Il Palazzo Ducale, perché fu proprio passando dal ponte che collega il Palazzo con le prigioni che inventò il nome che lo rese poi celebre in tutto il mondo, Ponte dei Sospiri, per i sospiri che avrebbero fatto i condannati vedendo per l'ultima volta Venezia e la libertà.

Probabilmente però il luogo a Venezia più legato al nome di Lord Byron è l'isola di San Lazzaro degli Armeni, dove viveva una piccola comunità di monaci.
Byron imparò qui l'armeno e partecipò alla pubblicazione di un dizionario inglese- armeno.

La memoria del grande poeta inglese è ancora viva nella comunità dei monaci e infatti nel piccolo museo c'è una sala a lui dedicata, con libri a lui appartenuti e testi autografi.

Sul nostro sito potrete facilmente prenotare una visita al Palazzo Ducale, uno degli edifici più importanti della storia veneziana, durante la quale attraverserete anche il famoso ponte, che grazie a Lord Byron è conosciuto in tutto il mondo  come ‘Ponte dei Sospiri'.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi