Aneddoti & Curiosità

La Sveglia della strega in calle della Toletta a Venezia

Misteri & Leggende
toletta-sveglia

La Sveglia della strega in calle della Toletta a Venezia

Passeggiando nel sestiere di Dorsoduro a Venezia, se vi trovate nei pressi del museo dell'Accademia, fate un giro in Calle della Toletta e vedrete qualcosa di davvero curioso… Su una casa di colore giallo, all'altezza circa del tetto, è appesa una vecchia sveglia!

Narra la leggenda che la sveglia segnasse l'ora in cui venivano compiute le ‘fatture' di una strega che abitava lì vicino e che si dilettava nella magia nera. Alla morte della strega, la casa in cui abitava rimase chiusa per anni perché nessuno vi voleva abitare.

La grande sveglia in rame originaria non è quella appesa oggi, che è invece la ‘terza' sveglia sostituita negli anni.

A dare inizio alla serie delle sveglie della Toletta sarebbe stato, molti anni fa, un barbiere che aveva la bottega proprio dentro la piccola calle, vicino alla strega: un giorno l'uomo, per scherzo, chiese a degli operai che stavano lavorando su quell'edificio di appendervi una sua vecchia sveglia… Quando, qualche anno dopo, la sveglia venne rimossa, iniziarono a manifestarsi fenomeni inquietanti: rumori, visioni, inspiegabili, sparizioni di oggetti, piccoli incidenti domestici... Venne subito ricollocata una nuova sveglia, poi rimossa qualche anno dopo per effettuare dei lavori di restauro. Gli strani eventi si ripresentarono di nuovo… Lo spirito della strega pare non voler rinunciare a stabilire l'ora del suo prossimo maleficio!

Venezia custodisce molti altri curiosi luoghi oltre alla Calle della Toletta, edifici, ponti o campi spesso collegati a misteri irrisolti o divertenti aneddoti! Molti di questi sono narrati nei post della nostra rubrica, altri restano conosciuti solo da pochi eletti… Se desiderate immergervi nella Venezia più nascosta e leggendaria, le nostre fidate guide locali saranno felici di condurvi alla scoperta dei luoghi meno noti di Venezia!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi