Aneddoti & Curiosità

La tomba di Antonio Canova nella Basilica dei Frari a Venezia

Misteri & Leggende
Tomba_Canova

La tomba di Antonio Canova nella Basilica dei Frari a Venezia

Quando si visita la splendida basilica dei Frari a Venezia ci si trova davanti ad una piramide… Cosa ci fa una struttura come questa in una chiesa cristiana?

Si tratta di un monumento funebre, dedicato al grande scultore neoclassico Antonio Canova (1757- 1822). Fu realizzato dai suoi allievi, seguendo un progetto del maestro per un monumento a Tiziano mai realizzato, per custodire il cuore dello scultore, mentre il resto delle sue spoglie si trovano nella sua città natale, Possagno.

La forma inconsueta di questo monumento è un chiaro messaggio per gli ‘Iniziati' dal momento che Antonio Canova faceva parte della Massoneria e la piramide è il simbolo del Grande Architetto dell'Universo (la divinità suprema per i Massoni).

Tutte le statue che adornano la piramide sono anch'esse riferimenti alle dottrine massoniche: partendo da sinistra, l'angelo con le ali aperte è colui che custodisce l'anima ormai volata in cielo; il leone alato addormentato tiene un libro chiuso, simbolo della saggezza che l'artista ha portato con sé; la figura velata è la morte mentre il giovane con la torcia accesa simboleggia l'immortalità che avrà Canova; le due donne con le corone di fiori sono la Speranza e la Carità. Tutte le figure hanno un'espressione estremamente afflitta.

Questo monumento per i visitatori comuni è solo una tomba piuttosto curiosa, mentre per gli iniziati alla Massoneria rappresenta un chiaro messaggio sulla saggezza del ‘fratello' Canova…

Se volete scoprire e visitare altri luoghi insoliti di Venezia, contattateci al più presto! Controlleremo per voi la disponibilità di Francesca, la nostra guida esperta, e preparemo per voi un vero itinerario su misura alla scoperta di Venezia.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi