Aneddoti & Curiosità

Un dipinto di Rubens nella chiesa di Santa Maria del Giglio

Opere e luoghi poco noti
rubens-venezia

Un dipinto di Rubens nella chiesa di Santa Maria del Giglio

Ogni chiesa di Venezia nasconde qualche piccolo capolavoro… Di certo, però, pochi si aspetterebbero di trovare un dipinto del grande pittore fiammingo Peter Paul Rubens (1577- 1640) nella chiesa di Santa Maria del Giglio, ubicata nel sestiere di San Marco.

Di antica fondazione, la chiesa è stata ricostruita in forme barocche nella seconda metà del XVII secolo; l’incredibile facciata, progettata da Giuseppe Sardi, è stata costruita grazie al lascito testamentario del patrizio Antonio Barbaro per celebrare la sua gloria e quella della sua famiglia.

All’interno dell’edificio si trova la cappella Molin, che custodisce questo inaspettato capolavoro di Rubens: la Madonna col Bambino e San Giovannino.

Non si conosce il committente né la collocazione originaria, ma si può ipotizzare che sia stato dipinto fra il 1600 e il 1608, negli anni in cui il pittore di Anversa si trovava in Italia.

Il dipinto, purtroppo, ha subito ingenti danni durante un incendio; il restauro è stato maldestro ed effettuato con ‘ridipinture’ poco appropriate... Nell’800 infatti il quadro venne considerato ‘profano’, in quanto la Vergine mostrava apertamente entrambi i seni e i genitali del bambino erano in bella mostra al centro del dipinto, così un incauto restauratore pensò bene di velare uno dei seni e coprire il bambino per riportare il profano al sacro…

La chiesa di Santa Maria del Giglio è aperta da lunedì a sabato, dalle 10.30 alle 16.30… Che ne pensate di visitarla in compagnia di una delle nostre esperte guide di Venezia?

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi