Aneddoti & Curiosità

Il ciclo della via Crucis nella chiesa di San Polo a Venezia

Opere e luoghi poco noti
Via_Crucis

Il ciclo della via Crucis nella chiesa di San Polo a Venezia

Il sestiere di San Polo prende il nome da una chiesa che è davvero particolare, dal momento che non ha la facciata! Purtroppo l'edificio medievale è stato sottoposto all'inizio dell'800 a un terribile restauro, che ha modificato pesantemente sia l'interno che l'esterno.

Questa chiesa così 'sfortunata' conserva però al suo interno un capolavoro della pittura veneziana del ‘700: le 14 tavole della via Crucis di Giandomenico Tiepolo.

Si tratta di un' incredibile ciclo che il pittore, figlio del celebre Giovan Battista Tiepolo, realizzò nel 1749 per l'oratorio del Crocifisso, adiacente alla chiesa di San Polo.

Le scene sono decisamente drammatiche ma in ognuna delle 14 tavole vi sono vari personaggi presi dalla vita quotidiana della Venezia settecentesca, come dame ingioiellate, turchi col turbante, bambini che giocano. L'uso dei colori molto accesi dona ancora più vivacità alle varie scene e sottolinea il tentativo dell'artista di creare un collegamento fra il fedele e l'opera, in modo che vi si potesse immedesimare.

Dopo un sapiente restauro e un adeguato sistema di illuminazione dell'Oratorio del Crocifisso, adesso la Via Crucis di Giandomenico Tiepolo ha restituito tutto il suo splendore e ci dà modo di capire in quale ricchezza vivessero i nobili veneziani a metà del ‘700, poco prima della caduta della loro millenaria Repubblica.

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Marte, Adamo ed Eva: il Palazzo Ducale festeggia il loro ritorno

restauro-adamo-eva-ducale
Opere e luoghi poco noti

Dopo quattro anni di delicato restauro, le tre statue quattrocentesche del grande artista Antonio Rizzo verranno esposte eccezionalment...

Vedi

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi