Aneddoti & Curiosità

Villa Mosconi Bertani in Valpolicella

Curiosità storiche
villa-mosconi-bertani

Villa Mosconi Bertani in Valpolicella

Se siete appassionati di vino e storia, non potete perdervi la visita a Villa Mosconi Bertani in Valpolicella (provincia di Verona).

Si tratta di una grande tenuta composta da una villa, costruita dalla famiglia Fattori intorno al 1735, a lato di una cantina cinquecentesca preesistente; fu venduta incompiuta ai Mosconi nel 1769, che completarono la costruzione aggiungendo un magnifico parco romantico di otto ettari in stile inglese, oltre ad espanderne l’attività vinicola rendendola una delle maggiori cantine dell’epoca nel Nord Italia. Durante la proprietà dei Mosconi la villa divenne anche un importante salotto letterario frequentato da esponenti della cultura del tempo, tra cui i poeti Ippolito Pindemonte e Ugo Foscolo.

Nella prima metà del 1900 la villa conobbe anni di abbandono, durante i quali opere vandaliche rovinarono il parco ed alcune sue stanze; nel 1957 fu acquistata e ristrutturata dalla famiglia Bertani per farne sede di rappresentanza dell’omonima cantina.

La villa ha un tipico impianto palladiano e al suo interno conserva pregevoli affreschi, opera di artisti emiliani operanti a Verona. Il progetto del parco fu suggerito da Ippolito Pindemonte a cui si devono alcune influenze di origine inglese, tipiche della moda romantica dell’epoca.

La cantina è sicuramente un luogo pieno di fascino, visto che in questa tenuta è documentata la coltivazione a vigneto già dal 1208… Proprio qui fu inventato il vino Amarone, ormai famoso in tutto il mondo! Volete provarlo? In questo caso vi suggeriamo il nostro esclusivo tour privato di Villa Mosconi Bertani, con degustazione di cinque celebri vini d’annata prodotti nella tenuta!

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

Padova: Bartolomeo Cristofori: il padovano che inventò il pianoforte

bartolomeo_cristofori
Lo sapevate che...

Lo sapevate che l’inventore del pianoforte era un padovano? Ebbene sì e il suo nome è Bartolomeo Cristofori. Bartolomeo Cristofori ...

Vedi

Venezia: Il gondoliere: il guerriero della laguna

gondoliere
Misteri & Leggende

Tutti sanno chi è e cosa fa un gondoliere: è colui che con dovizia e professionalità conduce, grazie alla tecnica di voga a un sol r...

Vedi

I post più letti

Treviso: Perché il vino Prosecco si chiama appunto, Prosecco?

colline-del-prosecco
Lo sapevate che...

Il 7 luglio 2019 il Veneto e l’Italia tutta hanno brindato alle colline del Prosecco, ora Patrimonio Mondiale dell’Umanità! Lo ha ...

Vedi

Venezia: Mappa di Venezia, cosa sapere prima di partire

mappa-venezia
Lo sapevate che...

Lo sapevate che Venezia non è un’unica grande isola ma un insieme di ben 117 piccole isole collegate tra di loro da oltre 400 ponti?...

Vedi

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi