Aneddoti & Curiosità

Perché si dice Rosso Tiziano?

Modi di dire
rosso_tiziano

Perché si dice Rosso Tiziano?

Ricordate la sensuale ‘Venere di Urbino’ o l’elegante ‘Donna allo specchio’ di Tiziano Vecellio? Ecco, focalizzatevi sul colore rosso con cui riveste i suoi soggetti, noterete che si tratta di una varietà calda, succosa e squillante talmente unica e ricercata che ha preso il nome del suo più abile utilizzatore: rosso Tiziano.

Il rosso Tiziano è una particolare tinta di rosso-arancio molto caldo e dorato che donava ai quadri dell’autore un’atmosfera calda e sensuale. Battezzando questa nuance con il nome del suo inventore, Tiziano, si è voluto celebrare la genialità di questo artista innovativo e poliedrico che grazie alla sua scuola, offrì una valida alternativa allo stile di Michelangelo ottenendo grandi e varie commissioni dai nobili dell’epoca. Ma la sua particolare tonalità di rosso non colpì solo i molti grandi artisti del periodo Rinascimentale, ma anche le dame dell’epoca che si tingevano e decoloravano i capelli cercando di eguagliare l’effimera bellezza delle donne presenti nelle sue meravigliose opere. Donne semplici ma eleganti, caratterizzate da una pelle lattea e da capelli biondo-ramati che esprimevano grande femminilità, raffinatezza e sensualità.

Ancora oggi il colore rosso Tiziano è molto apprezzato e assai in voga tra il genere femminile in quanto riesce a valorizzare fortemente la femminilità di ogni donna.

Se nel frattempo state valutando di cambiare la tonalità dei vostri capelli, non perdetevi la nuova ed esclusiva mostra al Palazzo Ducale di Venezia ‘Da Tiziano a Rubens. Capolavori da Anversa e da altre collezioni fiamminghe: un’occasione unica per ammirare due inestimabili opere di Tiziano Vecellio che dopo centinaia d’anni tornano a casa. Acquista online il tuo biglietto per il Palazzo Ducale, la mostra è inclusa nel prezzo del biglietto!

 

A cura della redazione di Insidecom

Ultimi post

Romano D' Ezzellino: Perché si dice ‘Se non riesci a dormire conta le pecore’?

contare-le-pecore
Modi di dire

Il tutto ebbe inizio a Romano d’Ezzelino in provincia di Vicenza quando Ezzelino da Romano che soffriva d’insonnia, assoldò un can...

Vedi

Chioggia: La Valle dei Sette Morti

casone-millecampi-detto-casone-dei-sette-morti
Misteri & Leggende

Ormai Halloween è alle porte: siete già entrati nell’affascinante clima di terrore della festa più paurosa dell’anno? No? Beh, c...

Vedi

Venezia: Fave dei morti: i dolci veneziani del giorno dei defunti

fave-dei-morti
Tradizioni popolari

Come vuole la tradizione, ogni anno, in occasione del giorno in cui vengono commemorati i defunti (il 2 novembre) a Venezia è usanza p...

Vedi

Venezia: Le luci rosse della Basilica di San Marco in memoria del povero ‘fornareto’

il_fornareto
Misteri & Leggende

Se verso sera vi trovate ad aggirarvi nei pressi della Basilica di San Marco, date un’occhiata alla sua facciata sud…noterete due p...

Vedi

I post più letti

Padova: Perché si dice ‘Rimanere in braghe di tela?’

pietra-del-vituperio
Curiosità storiche

Vi siete mai chiesti da dove deriva la comune espressione ‘Rimanere in mutande’ o ‘Rimanere in braghe di tela’? Si tratta di un...

Vedi

Venezia: L’Ultima Cena del Veronese alle Gallerie dell’Accademia

ultima-cena-veronese
Curiosità storiche

Le dodici sale delle Gallerie dell’Accademia accolgono numerose opere d’arte veneziana e veneta realizzate da rinomati artisti tra ...

Vedi

Treviso: Il fantasma di Bianca di Collalto

castello-collalto
Misteri & Leggende

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1° novembre raccontarsi una spaventosa storia di fantasmi è quasi d’obbligo… Eccone una legata...

Vedi

Padova: Il Prato della Valle a Padova

prato-della-valle
Curiosità storiche

Probabilmente solo i Padovani e poche altre persone sanno di un particolare primato che vanta la loro città: avere la piazza più gran...

Vedi