Biennale Architettura 2018 - Freespace

16. Mostra Internazionale di Architettura

Dal 26 maggio 2018 al 25 novembre 2018

freespace-2018
Prodotti acquistabili
Tour & Attività Taxi & Transfer Alloggi

Da sabato 26 maggio a domenica 25 novembre Venezia ospita la Biennale Architettura 2018!

Diretta da Yvonne Farrell e Shelley McNamara, la 16 Mostra Internazionale di Architettura pone al centro dell’obiettivo lo spazio, la sua qualità e, in particolare, lo spazio libero e gratuito. Freespace può essere una caratteristica di un singolo progetto, ma anche rivelare la presenza o l’assenza dell’architettura intesa come pensiero applicato allo spazio in cui viviamo.

Il Manifesto FREESPACE elaborato dalle curatrici è stato il punto di riferimento per la realizzazione dell’intera manifestazione, alla scopo di renderla quanto più coesa e ‘completa’ possibile. La speranza di Farrell e McNamara è che la parola FREESPACE porti a sondare le aspirazioni, le ambizioni e la generosità dell'architettura come traduzione di necessità in spazio significativo. La risposta dei partecipanti alla Mostra Internazionale di Architettura 2018 non si è fatta attendere: i feedback sono stati numerosi ed entusiasti, il manifesto è stato interrogato, sviscerato ed interpretato da architetti di tutto il mondo per offrire esempi, approfondimenti e spunti di discussione.

Il manifesto della 16. Mostra Internazionale di Architettura Freespace ruota attorno a tre punti focali: la capacità che ha l’architettura di offrire spazi liberi e supplementari, ma anche di soddisfare desideri inespressi; l’opportunità di valorizzare i doni e le risorse della natura, la luce in primis, oltre a quelle artificiali; analizzare il nostro modo di pensare alla ricerca di nuovi spunti e soluzioni dove l’architettura possa contribuire al benessere e alla dignità di tutti gli abitanti del pianeta.

I partecipanti e i padiglioni nazionali sono stati invitati a presentare il proprio Freespace con l’obiettivo di mostrare la specificità, la continuità e la diversità dell’architettura in base a luoghi, storia, tempo e persone, per promuovere l’importanza della cultura architettonica nel nostro variegato e dinamico pianeta.

In architettura il tempo non è lineare, passato, presente e futuro vengono continuamente ripresi e rielaborati. La cultura architettonica richiede quindi costanti cure e attenzioni, impegno e perseveranza. Il tema del tempo viene analizzato anche attraverso uno speciale approfondimento della Biennale 2018, nel quale il passato prende nuova vita grazie agli architetti contemporanei. Per assicurare la conoscenza e la continuità della tradizione, l’insegnamento riveste un ruolo di primo piano e, proprio per valorizzare la sua importanza, molti dei professionisti presenti alla 16 Mostra sono attivi nel campo della didattica.

Nell’organizzazione della Biennale di Architettura a Venezia 2018, le curatrici hanno tenuto in grande considerazione anche la città lagunare: il loro approccio mira a portare il contesto e l’aria di Venezia nell’atmosfera della mostra attraverso un legame consapevole. Vestendo il loro ruolo di architetti, Yvonne Farrell e Shelley McNamara hanno fatto emergere le qualità delle Corderie e del Padiglione Centrale, una serie di atmosfere contrastanti che hanno influenzato le loro scelte e la collocazione stessa dei partecipanti.

Articolata nelle storiche sedi ai Giardini e all’Arsenale, la 16 Biennale di Architettura di Venezia vede la presenza di 71 partecipanti, ai quali si affiancano quelli delle due sezioni speciali:

  • 'Close Encounter, meetings with remarkable projects' - 16 partecipanti presenteranno lavori nati in seguito a una riflessioni su celebri progetti del passato;
  • 'The Practice of Teaching' - 12 partecipanti, raccoglie lavori sviluppati nell’ambito della didattica.

La mostra sarà poi affiancata da 63 Partecipazioni nazionali nei Padiglioni ai Giardini, all’Arsenale e nel centro storico di Venezia. 6 i Paesi saranno presenti alla Biennale di Architettura Venezia 2018 per la prima volta: Antigua & Barbuda, Arabia Saudita, Guatemala, Libano, Pakistan, e Santa Sede.

Alla Biennale Architettura 2018, il Padiglione Italia - Arcipelago Italia - sarà curato Mario Cucinella, sostenuto e promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane.

Non mancheranno poi numerosi Eventi Collaterali proposti da enti ed istituzioni internazionali, che troveranno posto in tutta Venezia.

Come sempre, spazio anche ai Progetti Speciali:

  • a Mestre, il Progetto Speciale Forte Marghera, a cura di Yvonne Farrell e Shelley McNamara, prevede un’installazione degli architetti Sami Rintala e Dagur Eggertsson, che ospiterà anche alcune manifestazioni in programma a Forte Marghera.
  • presso le Sale d’Armi dell’Arsenale di Venezia, il Progetto Speciale al Padiglione delle Arti Applicate, a cura di Christopher Turner e Olivia Horsfall Turner, analizza il futuro del social housing attraverso un frammento del complesso di case popolari, Robin Hood Gardens, progettato da Alison e Peter Smithson nell'East London.

Non vanno tralasciate neanche le numerosi iniziative entrate ormai a pieno titolo nel programma della Biennale Architettura di Venezia:

  • Meetings on Architecture, il ricco programma di conversazioni, a cura di Farrell e McNamara, che offre la possibilità di discutere le svariate interpretazioni del Manifesto FREESPACE e di ascoltare gli interventi dei protagonisti della Mostra. I Meetings on Architecture saranno poi integrati dai contributi dei Paesi partecipanti e da un ricco calendario di incontri organizzati in collaborazione con importanti istituzioni internazionali come la London School of Economics/Cities e Alfred Herrhaussen Gesselschaft e con il Victoria and Albert Museum di Londra. Anche l’Archivio Storico della Biennale di Venezia darà il suo contributo presentando una giornata di studi sull’architettura negli archivi.
  • Biennale Sessions, progetto che La Biennale di Venezia dedica alle istituzioni operanti nella formazione e nella ricerca nel campo dell’architettura, delle arti e nei campi affini al fine di offrire facilitazioni ed assistenza per le visite di tre giorni organizzate per gruppi di almeno 50 persone, tra studenti e docenti.
  • Educational, iniziative rivolte agli studenti di ogni ordine e grado, famiglie, professionisti, aziende e singoli visitatori che prevedono il coinvolgimento attivo attraverso Percorsi Guidati e Attività di Laboratorio.

La vernice della Biennale di Architettura Venezia 2018 si terrà giovedì 24 e venerdì 25 maggio, la cerimonia di inaugurazione e di premiazione – durante la quale sarà consegnato il Leone d’Oro alla carriera a Kenneth Frampton, architetto inglese, storico, critico ed educatore – avrà luogo sabato 26 maggio 2018.

 

16. Mostra Internazionale di Architettura
FREESPACE

Apertura al pubblico da sabato 26 maggio a domenica 25 novembre

Giardini & Arsenale

Chiuso il lunedì, eccetto lunedì 28 maggio, 13 agosto, 3 settembre e 19 novembre

Biennale Architettura Venezia 2018 Giardini

  • Dalle 10.00 alle 18.00 (la biglietteria chiude alle 17.30)

Biennale Architettura Venezia 2018 Arsenale

  • Dalle 10.00 alle 18.00 (la biglietteria chiude alle 17.30)
    Solo venerdì e sabato fino al 29 settembre: dalle 10.00 alle 20.00 (la biglietteria chiude alle 19.30)
A cura della redazione di Insidecom