Damien Hirst a Palazzo Grassi e Punta della Dogana

Palazzo Grassi e Punta della Dogana per la prima volta unite in un’unica mostra!

Dal 09 aprile 2017 al 03 dicembre 2017

hirst
Prodotti acquistabili
Ticket Taxi & Transfer Alloggi

Domenica 9 aprile 2017 apre al pubblico l’attesa mostra di Damien Hirst: Venezia si prepara ad ospitare il nuovo progetto dell’artista britannico in una grande mostra che, per la prima volta, unirà le due sedi espositive veneziane della Pinault Collection... Acquista subito online il tuo biglietto per Palazzo Grassi e Punta della Dogana: potrai accedere ad entrambe le sedi direttamente, senza fare la fila alle biglietterie!

Palazzo Grassi e Punta della Dogana verranno coinvolte in un affascinante percorso espositivo focalizzato su un unico artista: la mostra su Hirst segnerà quindi una nuova tappa nella storia delle due celebri location di Venezia, idealmente unite per celebrare il genio di un artista conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo. Damien Hirst aveva già esposto a Palazzo Grassi nel 2006, nella collettiva inaugurale ‘Where Are We Going?’, instaurando fin da subito un rapporto di reciproca fiducia con la Pinault Collection. Il legame si è poi ulteriormente consolidato nel 2007, con ‘A Post-Pop selection’, ed in seguito in altre due mostre della Pinault Collection, dove Hirst ha esposto altre sue opere: nel 2013 alla Conciergerie di Parigi – ‘A Triple tour’ - e nel 2014 al Grimaldi Forum di Monaco – ‘Art Lovers’.

La proficua collaborazione tra il maestro britannico e la Pinault Collection ha posto le basi per l’ideazione di questa grande mostra a Venezia: Hirst esporrà il suo progetto inedito e la Collezione Pinault metterà a sua disposizione entrambe le sedi veneziane, fino ad ora mai affidate insieme ad un singolo artista.

Intitolata ‘Treasures from the Wreck of the Unbelievable’, la mostra di Damien Hirst a Palazzo Grassi e Punta della Dogana presenterà al pubblico un progetto inedito, frutto del lungo lavoro realizzato dal controverso artista negli ultimi dieci anni.

Damien Hirst ‘Treasures from the Wreck of the Unbelievable’ è curata da Elena Geuna, consulente d’arte contemporanea e curatore indipendente che ha già firmato le fortunate monografiche dedicate a Rudolf Stingel e Sigmar Polke, esposte a Palazzo Grassi rispettivamente nel 2013 e 2016.

DAMIEN HIRST

Nato a Bristol nel 1965, Damien Hirst studia belle arti al Goldsmith College di Londra dal 1986 al 1989. Durante il secondo anno di studi collabora all'organizzazione e alla curatela di ‘Freeze’, le celebre mostra collettiva che ha rappresentato un vero e proprio trampolino di lancio sia per Hirst che per un’intera generazione di giovani artisti britannici. Al termine del percorso al Goldsmith College, Hirst inizia a realizzare installazioni, dipinti, disegni e sculture volti ad esplorare le complesse relazioni tra arte, bellezza, religione, scienza, vita e morte. I suoi numerosi lavori – tra i quali ricordiamo lo squalo in formaldeide ‘The Physical Impossibility of Death in the Mind of Someone Living’ che nel 1991 lo pone al centro dell’attenzione internazionale, e ‘For the Love of God’ del 2007, calco in platino di un teschio sul quale vengono incastonati 8.601 diamanti – sfidano le certezze del mondo contemporaneo analizzando le incertezze che fanno parte della natura stessa dell’essere umano. Attualmente Damien Hirst vive e lavora tra Londra e Gloucester.

Dopo ‘Freeze’ nel 1987, sono state più di 90 le mostre organizzate in tutto il mondo su Damien Hirst, senza contare la sua partecipazione ad oltre 300 esposizioni collettive. Tra le personali, non si possono non citare le mostre a Napoli, Museo Archeologico Nazionale nel 2004; Oslo, Astrup Fearnley Museet fur Moderne Kunst nel 2005; Amsterdam, Rijksmuseum nel 2008; Firenze, Palazzo Vecchio, e Monaco, Oceanographic Museum nel 2010; Doha, Qatar Museums 2013-2014. Oltre a queste, nel 2012, in contemporanea alle Olimpiadi Culturali, la Tate Modern di Londra ha presentato una grande retrospettiva sul lavoro di Hirst.

Nel 1995 Damien Hirst vince il Turner Prize, il premio di arte contemporanea più famoso del Regno Unito riservato ad artisti britannici al di sotto dei 50 anni di età. Organizzato dalla Tate Gallery, è un riconoscimento annuale aperto ad ogni forma d'arte visiva, ma associato prevalentemente a quella concettuale. Ormai da molti anni Damien Hirst domina il mercato ed è considerato uno degli artisti viventi più quotati al mondo.

Meritano un breve approfondimento anche le sedi dove potrete ammirare i lavori di Damien Hirst in mostra a Venezia.

  • Splendido palazzo localizzato lungo le rive del Canal Grande, tra il ponte di Rialto e quello dell’Accademia, Palazzo Grassi è stato acquistato nel 2005 dal collezionista francese François Pinault che, dopo averne affidato il restauro all’architetto giapponese Tadao Ando, lo ha adibito a mostre temporanee.
  • Punta della Dogana si trova vicino alla Basilica della Salute. Antica dogana da mar della Serenissima, l’edificio ha continuato la sua attività fino agli anni Ottanta del Novecento. Dopo un periodo di abbandono, l’edificio passa alla Pinault Collection e, in seguito ad un imponente restauro, affidato sempre ad Ando, viene riaperto come sede di mostre temporanee dedicate all’arte contemporanea.

Damien Hirst a Venezia – mostra 2017: Palazzo Grassi e Punta della Dogana per la prima volta legati ad un unico artista di fama internazionale che con le sue intense e dibattute opere ha saputo imporsi nel panorama artistico contemporaneo diventandone uno degli esponenti di maggior spicco.

Acquista subito il tuo biglietto per la mostra di Damien Hirst! Potrai accedere a Palazzo Grassi e Punta della Dogana senza fare la fila alle biglietterie… Dovrai solo mostrare al personale presente all’ingresso il voucher con qr code che riceverai al termine della prenotazione online!

A cura della redazione di Insidecom