DCO. Arte in Italia 1919-1939

Dal 31 gennaio 2009 al 28 giugno 2009

deco_big
Palazzo Roverella ospita unaltra grande mostra ispirata allarte italiana fra Ottocento e Novecento. Dopo il successo dell'esposizione dedicata alla Belle Epoque, tocca adesso all'Art Déco: uno stile, o forse un gusto, che ha permeato tutti i linguaggi artistici compresi tra le guerre mondiali, aggiungendo alle forme eleganza e persuasivit e superando quindi il mero concetto di funzionalit. Il termine Art Déco, spesso abbreviato in Dec, fu coniato negli anni Sessanta dagli storici dellarte, i quali hanno individuato temi e formule figurative riconducibili ad un comune denominatore. Non esistono precise teorizzazioni, bens la manifestazione di un particolare gusto. L'Art Déco, affermatasi negli anni Venti e Trenta e caratterizzata da numerose sfaccettature, si ispira alle geometrie del mondo meccanico, alle forme prismatiche delle metropoli e a modelli di classicit nei propri canoni di eleganza. Il termine Art Déco divenuto poi di dominio pubblico in quanto etichetta evocativa di una moda. Fino ad oggi il tema dell'Art Déco indagato presentato al grande pubblico prevalentemente per gli aspetti connessi alle arti decorative, agli interni e allarchitettura. Solo di recente si cercato di verificare anche nelle altri arti le possibili consonanze con il gusto dco. Lintento della mostra che si aprirà nelle sale del Palazzo Roverella di Rovigo intende offrire al pubblico un possibile filo di lettura con uno sguardo che privilegia la produzione pittorica (senza tralasciare la scultura cui dedicata una sezione). La mostra si articola in 11 sezioni così intitolate: Inflessioni decorative del Déco; Verso nuove sintesi; Orizzonti esotici; Vittorio Zecchin e Murano: Déco tra vetri e dipinti; Divagazioni futuriste; Geometrie del Futurismo; La severit del Déco; Il sogno dellantico; Gi Ponti: intorno alla Richard-Ginori; Déco scolpito; Il Déco nella grafica.

Mostra promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo in collaborazione con Accademia dei Concordi e Comune di Rovigo. A cura di Dario Matteoni e Francesca Cagianelli; direzione della mostra: Alessia Vedova.

Per informazioni: Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e RovigoTel 049.8761855 - Fax 049.657335info@fondazionecariparo.itUfficio Stampa Mostra Studio ESSECIinfo@studioesseci.net

A cura della redazione di Insidecom