‘Leonardo da Vinci il profumiere’ in mostra a Palazzo Mocenigo

Alla scoperta del volto inedito di Leonardo

Dal 03 maggio 2019 al 20 settembre 2019

leonardo-da-vinci
Prodotti acquistabili
Biglietto Tour & Attività Taxi & Transfer

Dal 3 maggio al 20 settembre 2019 il magnifico Palazzo Mocenigo di Venezia apre le porte per ospitare un’esposizione davvero particolare che nasce dalla collaborazione tra i Musei Civici di Venezia, Cosmetica Italia e Cosmoprof Worldwide Bologna: La mostra Leonardo da Vinci, il profumiere 2019!

Un evento unico che vuole celebrare le scoperte di Leonardo da Vinci in campo cosmetico. Un aspetto poco noto e sicuramente inaspettato che si associa al suo ruolo di grande inventore e scienziato riconosciuto a livello mondiale!

La mostra a Venezia, Leonardo da Vinci, il profumiere è realizzata per commemorare il cinquecentenario della sua morte: il percorso è stato ideato per ricostruire la complessa figura di Leonardo in qualità di cosmetologo e profumiere che si dedica alla creazione di fragranze e cosmetici.

Il progetto, ideato dalla ricercatrice leonardista Maria Pirulli, offre al visitatore la possibilità di scoprire le ricette di bellezza, le acconciature, i rimedi inventati dal grande Leonardo per fare più belle e importanti le figure femminili del tempo e di ricostruire la vivace rete di scambi tra le principali corti rinascimentali. A Milano ad esempio, presso la corte di Ludovico il Moro, Leonardo organizzò feste, disegnò abiti e costumi; inventò tessuti, gioielli e profumi. In mostra verrà inoltre messo in evidenza lo stretto legame che vi era tra Milano e Venezia: due città dove era molto comune profumarsi ed era consuetudine che i barbieri vendessero cosmetici e profumi. Negli ambienti nobiliari di allora esisteva addirittura la figura del ‘magistro da profumi’ che procurava alle dame boccette di miscele e fragranze create ad hoc.

Durante la visita si potranno ammirare antichi codici, importanti innovazioni, studi e idee, rimedi e ricette di distillati per 'li capelli di neri gialli' o 'a fare biondo li capelli' con zolfo nero, allume di feccia e mele, oppure per ottenere una nuance 'tané' che si avvicina al colore fulvo (il tané di cui parla Leonardo deriva dal francese 'tanné' e corrisponde al colore delle castagne). Saranno messe in rilievo antesignane ricette di unguenti depilatori a base di derivati dell’arsenico e pigmenti dell’oro e formule per creare 'odori soavi' per le dame rinascimentali più rivelanti che resero all'artista l'appellativo di Mago. Interessante, tra i vari unguenti estetici rinvenuti, è di certo il precursore del ‘miracoloso’ odierno distillato di bava di lumaca, ‘l‘acqua di chiocciole’ che pare sia stata usata da Lisa Gherardini, conosciuta universalmente come Monna Lisa o la Gioconda!

Leonardo influenzò anche l’arte di acconciare i capelli: in numerosi dipinti si possono trovare i cosiddetti ‘nodi vinciani’ ovvero articolate acconciature intrecciate arricchite da gioielli, reti e tessuti profumati. Si tratta di un elegante motivo decorativo, diventato poi famoso in tutto il mondo e che venne riprodotto anche in affreschi, ricami, tessuti, cuoio, armi e gioielli tanto da lanciare una vera e propria moda, alla Corte di Milano, alla fine del XV secolo, quella dei ‘vinci’. Ma cosa sono i ‘vinci’?

I vinci devono il loro nome agli omonimi salici rossi che caratterizzano il paese d’origine dell’artista e scienziato, Anchiano. Forse è dall’impiego dei ramoscelli flessibili di questi alberi per intrecciare canestri o legare le viti che traggono origine i nodi vinciani, diventati poi anche lo stemma dell’Accademia Vinciana. Verso fine Quattrocento questi nodi divennero uno dei motivi più in voga nei tessuti degli abiti, soprattutto in quelli femminili come nel vestito indossato della Gioconda.

Un’ampia sezione del museo sarà dedicata, in correlazione all’immagine di Leonardo il profumiere, alla scoperta della moda, degli arredi, dell’arte e degli aromi dell’epoca in cui lui si trovò ad operare.

Leonardo da Vinci il profumiere in mostra al Palazzo Mocenigo vi catapulterà in una atmosfera prettamente rinascimentale fatta di eleganza e delicatezza … il percorso vi porterà a calcare le orme rivoluzionare di Leonardo da Vinci che aprirono la strada alla cosmesi moderna. Venite a scoprire la ‘magia’ di Leonardo al Museo di Palazzo Mocenigo a Venezia. Acquista online il tuo accesso a Palazzo Mocenigo: la mostra ‘Leonardo Da Vinci il profumiere’ 2019 è inclusa nel normale biglietto d’ingresso al museo!

 

Orari Museo di Palazzo Mocenigo

  • Dal 1 novembre al 31 marzo
    dalle 10.30 alle 16.30 (la biglietteria chiude alle 16.00)
  • Dal 1 aprile al 31 ottobre
    dalle 10.30 alle 17.00 (la biglietteria chiude alle 16.30)

 

Orari Biblioteca di Palazzo Mocenigo

  • Dal mercoledì al venerdì dalle 10.30 alle 16.30
A cura della redazione di Insidecom