Palazzo Grassi e Punta della Dogana – Mostre 2018

'Cows by the water' di Albert Oehlen a Palazzo Grassi e ‘Dancing with myself’ a Punta della Dogana

Dal 08 aprile 2018 al 06 gennaio 2019

palazzo-grassi-dogana-18
Prodotti acquistabili
Biglietto Alloggi Taxi & Transfer

Domenica 8 aprile riaprono al pubblico le due sedi espositive veneziane di Pinault Collection. A differenza dello scorso anno, quando, per la prima volta, sono state legate ad un unico filo conduttore – con la grande monografica ‘Treasures from the Wreck of the Unbelievable’ di Damien Hirst – le mostre 2018 a Palazzo Grassi e Punta della Dogana tornano ad essere divise.

In mostra a Palazzo Grassi, Albert Oehlen, classe 1954, diventato uno dei protagonisti della pittura contemporanea grazie alle sue continue ricerche, volte soprattutto a sperimentare e a superare i limiti formali della rappresentazione stessa.

‘Dancing with Myself’ a Punta della Dogana è invece una grande mostra collettiva che indaga la rappresentazione di sé e il ruolo dell’artista come protagonista ed oggetto stesso dell’opera, attraverso opere dagli anni ’70 ad oggi.

Acquista online il tuo biglietto per Palazzo Grassi e Punta della Dogana: potrai visitare entrambe le mostre, senza fare la fila alle biglietterie!

 

'Cows by the Water', Albert Oehlen a Palazzo Grassi
Dall'8 aprile 2018 al 6 gennaio 2019

Inserita nella programmazione delle monografiche dedicate ad importanti artisti contemporanei - che dal 2012 ha già portato a Palazzo Grassi artisti come Urs Fischer, Rudolf Stingel, Irving Penn, Martial Raysse, Sigmar Polke e Damien Hirst, alternandoli ad esposizioni tematiche della Pinault Collection – la mostra su Albert Oehlen a Venezia è la più grande monografica mai realizzata in Italia sull’artista tedesco, già protagonista di importanti esposizioni in tutto il mondo, tra le quali ricordiamo quelle a L’Avana - Museo Nacional de Bellas Artes, a New York - New Museum e Parigi - Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris.

La mostra personale dedicata ad Albert Oelhen nel 2018 a Palazzo Grassi include oltre 80 opere con un allestimento del tutto inedito: le opere non saranno infatti esposte secondo un criterio cronologico ma ‘ritmico’, scandito da diversi generi e periodi proprio per sottolineare il ruolo cardine della musica nella produzione di Albert Oehlen. Il percorso espositivo di 'Cows by the Water', pertanto, è una metafora del suo metodo di lavoro dove la contaminazione, l’improvvisazione, la ripetizione e l’armonia dei suoni diventano gesti pittorici.

La mostra su Albert Oehlen a Palazzo Grassi 2018 è a cura di Caroline Bourgeois; le opere esposte sono state realizzate dagli anni ’80 ai giorni nostri e provengono dalla Pinault Collection e da importanti musei e collezioni private.

Albert Oehlen – breve biografia

Albert Oehlen è nato nel 1954 a Krefeld, Germania. Vive e lavora in Svizzera. Dal 1978 al 1981 studia alla Hochschule für Bildende Künste di Amburgo e, dal 2000 a 2009, insegna pittura alla Kunstakademie di Düsseldorf. Le opere di Albert Oehlen è stata inclusa in numerose mostre personali e collettive presentate in istituzioni in tutto il mondo – tra le altre al Museo Nacional de Bellas Artes in L’Avana nel 2017, al Cleveland Museum of Art e al Guggenheim di Bilbao nel 2016, al New Museum di New York nel 2015, al Museum Moderner Kunst di Vienna nel 2013, al Kunstmuseum di Bonn nel 2012 e al Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris nel 2009. La mostra a Palazzo Grassi è la più grande monografica dedicata, in Italia, all’artista.

 

‘Dancing with Myself’ a Punta della Dogana
Dall'8 aprile al 16 dicembre 2018

Organizzata in collaborazione con il Museo Folkwang di Essen, Germania, la mostra ‘Dancing with Myself’ indaga il ruolo dell’artista, come oggetto e protagonista dell’opera, e l’importanza primordiale della rappresentazione di sé partendo dalla produzione artistica degli anni ’70 , arrivando fino a quella contemporanea.  

La mostra collettiva 2018 a Punta della Dogana, Venezia, raccoglie un’ampia varietà di linguaggi e pratiche artistiche. Fotografie, dipinti, sculture, video ed installazioni di provenienza, culture ed esperienze diverse mettono in luce il contrasto tra attitudini differenti: la malinconia e la vanità, il gioco ironico dell’identità e l’autobiografia politica, la riflessione esistenziale e il corpo come scultura, effigie o frammento, e la sua rappresentazione simbolica.

Oltre 100 opere della Pinault Collection - Claude Cahun, LaToya Ruby Frazier, Gilbert & George, Cindy Sherman, Alighiero Boetti, Maurizio Cattelan, … - e una selezione proveniente dal Museo Folkwang vanno a comporre una delle più interessanti esposizioni presentate a Venezia negli ultimi anni, una mostra già presentata ad Essen nel 2006 e qui ripresa ed arricchita da altre 50 opere. 

‘Dancing with Myself’ è a cura di Martin Bethenod e Florian Ebner.

 

Accedi a Palazzo Grassi e Punta della Dogana senza fare la fila alle biglietterie! Acquista il biglietto cumulativo per le mostre 2018 e presenta all’ingresso delle sedi il voucher con qr code che riceverai al termine della prenotazione online!

Inoltre, durante il periodo di apertura delle mostre, tutti i sabati - alle 15.00 a Punta della Dogana e alle 17.00 a Palazzo Grassi - potrai prendere parte a delle visite guidate gratuite in lingua italiana.

A cura della redazione di Insidecom