Veneto in festa: le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene sono Patrimonio Unesco!

Il paesaggio di queste splendide colline è il 55°sito italiano ad entrare nelle liste dell’Unesco

Dal 08 agosto 2019 al 31 ottobre 2019

Prosecco_Unesco
Prodotti acquistabili
Transfer Tour & Attività

Il sogno è diventato realtà: le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene sono entrate a far parte del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco! La tanto attesa proclamazione è avvenuta il 7 luglio 2019 a Baku, in Azerbaijan, in occasione della 43° sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale Unesco, durante il quale il comitato di selezione – formato da 21 Stati membri - ha riconosciuto all’unanimità l’importanza del nostro territorio e del vino, unico nel suo genere, che proprio qui viene prodotto.

Ma vediamo insieme quali sono le motivazioni che hanno permesso a queste preziose terre venete di conquistare il tanto ambito riconoscimento internazionale, andando così ad aggiungersi a luoghi di incredibile fascino come il Monte Fuji in Giappone, la piana delle Piramidi d’Egitto, la barriera corallina australiana ed il Grand Canyon in Arizona, già facenti parte del Patrimonio Unesco.

Come spiegato dal Ministro degli Esteri ‘è stato riconosciuto il valore universale di un paesaggio culturale e agricolo unico, scaturito da una straordinaria, sapiente interazione tra un’attività produttiva di eccellenza e la natura di un territorio affascinante’.

Ed è proprio questo il focus intorno al quale verteva la candidatura presentata, ovvero la qualità dei prodotti tipici legata all’esclusività dei paesaggi che, nel caso del Prosecco veneto, rappresenta un importantissimo valore aggiunto. La particolare struttura mezzadrile che si vede attualmente nel territorio trevigiano, risale addirittura al Medioevo: si tratta di piccoli appezzamenti che, intrecciandosi alle zone boschive, creano un mosaico davvero scenografico che contribuisce all’unicità e alla bellezza di questi luoghi. Ma non è tutto. Oltre all’espetto estetico, c’è un altro fatto che ha contribuito all’ingresso delle colline del Prosecco nell’Unesco: le tecniche di allevamento e le architetture degli impianti viticoli che, nella loro unicità, differenziano le zone di Conegliano e Valdobbiadene da tutti gli altri paesaggi viticoli già candidati nella World Heritage List.

Uno dei modelli di viticoltura ancora utilizzato, che rende così uniche le aree di Valdobbiadene e Conegliano dove si produce il Prosecco della Marca Trevigiana, è la cosiddetta Bellussera. Si tratta di un antico sistema molto scenografico e di particolare interesse storico e sociale, ideato dai fratelli Bellussi (da cui prende il nome) alle fine dell’800 in provincia di Treviso. Tralasciando l’aspetto tecnico, dall’alto i vigneti a bellussera appaiono come un grandissimo alveare, un incredibile disegno geometrico che regala al territorio un aspetto davvero surreale.

Incastonati tra i vigneti si possono incontrare antichi borghi, pievi, molini e castelli che impreziosiscono ulteriormente il territorio delle Colline del Prosecco: l’Unesco ha premiato queste zone proprio per la singolarità del paesaggio culturale, plasmato dall’uomo che da tempi antichi coltiva la vite su pendii impervi rigorosamente a mano, dove il lavoro costa tanto tempo e tanta fatica.

Lo sapevate che la prima strada del vino italiana è nata proprio in questo territorio? Correva l’anno 1966 e il percorso, di circa 50 km, si snodava tra Conegliano e Valdobbiadene, attraversando alcuni dei borghi più belli d’Italia, importanti monumenti e suggestive abbazie. Non è quindi un caso che il paesaggio di queste splendide colline oggi sia il 55° sito italiano iscritto nelle liste dell’Unesco, nonché 10° in tutto il mondo nella categoria ‘paesaggio culturale’.

E voi, ci siete mai stati nelle colline del Prosecco in Veneto? Se la risposta è no allora dovete assolutamente provvedere… sono belle in tutte le stagioni! Panorami mozzafiato, borghi antichi, vino eccellente e squisiti prodotti tipici… cosa volere di più? Date un’occhiata alle nostre proposte in zona Treviso e Colline del Prosecco: tra degustazioni e visite guidate, siamo certi che troverete quello che fa per voi!

Ah, un'ultima curiosità: lo sapete perchè il Prosecco si chiama così? Per scoprirlo visitate la pagina dedicata all'origine del nome Prosecco all'interno della nostra rubrica 'Aneddoti & Curiosità'! 

 

A cura della redazione di Insidecom